La Cantina di Mori

 

Nata dalla volontà popolare

che auspicava soluzioni moderne,

la nuova Cantina iniziò  un percorso

nell’anima  degli amministratori locali.

 

L’idea fu  di progettare una struttura ipogea,

all’avanguardia, ricca di soluzioni innovative,

dove la lavorazione potesse avere una logica ponderata.

 

Assemblee, disegni , progetti e sostegno della Provincia

                  furono le componenti  che alla fine decisero l’impresa.

 

I  Soci delle Comunità di  Mori e Serravalle

si convinsero della bontà dell’opera, così si iniziò

a cercare ed acquistare il terreno adatto.

 

Nel frattempo, tecnici progettisti di alto livello

iniziavano a stendere un sistema ecosostenibile

per dare risposte positive all’impegno assunto.

 

Ecologia e sostenibilità: due pilastri

della positività aziendale:

                  tempi rapidi, imprese responsabili e virtuose

seppero mettere in piedi una struttura

invidiata da tutta la concorrenza.

 

Il cuore della Cantina Mori Colli Zugna

pulsa sotto un vigneto

e questo è un motivo fondamentale

perché conferma il genio dell’Uomo

per un risparmio di terra davvero prezioso.

 

Assistiamo all’inizio di un ciclo nuovo di strategia

per ridurre sprechi e arcaiche soluzioni

è un segno serio di un’ecologia

che darà frutti pregiati a questa terra mia.

 

                               giuliano moscatelli   

                                                                           Mori, 3 giugno 2012